Torecan (tietilperazina maleato): un Ulisse post-moderno nella vertigine delle parole

 In questo mare di controindicazioni capiamo subito che la Tietilprazina risponde a una precisa estetica, che è sia idea che guida alla buona pratica della lettura. Si fa sostanza e forma nel suo manifesto sentimentale tutto fuorché omeopatico, per certi versi ricorda la polemica dell’antispasmina colica, ma raccoglie la sfida da un altro punto di vista: quello formale. Il testo ci pone sin da subito davanti a un’avvertenza, non sarà una passeggiata di salute, non sarà facile, il lettore dovrà confrontarsi con i suoi demoni:

Stati comatosi e gravi stati di depressione, turbe della emopoiesi, affezioni epatiche.

Ma cosa ci sta dicendo l’autore veramente? Marcel Proust lo avrebbe interpretato come una lotta all’ultimo sangue con la memoria, un resistere alla vertigine del tempo passato, una negazione dell’abisso temporale in cui la nostra stessa mente annega. Winfried Sebald, autore meno noto di Vertigini (Adelphi) come una fuga a vuoto, un fraseggio dell’incompiuto che si traduce in spaesamento, confusione. Infatti leggiamo ancora:

Torpore, stati confusionali seguiti da casi più gravi da coma e perdita di riflessi.

La questione che ci pone l’autore Novartis è semplice, se pure complicata appare una risoluzione e segue le fil rouge della polemica europea sulla sperimentazione. La letteratura, distesa liquida, dove il lettore non è più l’Ulisse di Omero, forte e tenace, ma soffre il mal di mare, la vertigine dei simboli a cui è sottoposto.Lo scrittore è qui guida e astante, indica il cammino ma lo percorre per la prima volta con il lettore e sceglie la strada meno battuta, quella anale della supposta, con lo stesso spirito dei celebri versi di Robert Frost:

Divergevano due strade in un bosco

Ingiallito, e spiacente di non poterle fare

Entrambe essendo un solo, a lungo mi fermai

Una di esse finchè potevo scrutando

Là dove in mezzo agli arbusti svoltava.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...